domenica 12 dicembre 2010

e-Campus: quanto costa e come funziona.

Visto che in un precedente post abbiamo parlato dell'università telematica e-Campus, scatenando alcune polemiche, siamo andati presso la sede più vicina a noi del CEPU, che è segreteria didattica di questa università telematica, a chiedere informazioni per un'eventuale iscrizione.  In breve i costi di e-Campus sono di 3.300 euro annui per le facoltà umanistiche e di 3.700 euro per quelle scientifiche.  La signorina che ci ha accolti al CEPU però, ci invitava  ad iscriverci al più presto perchè tra poco le quote sarebbero state tutte portate a 3.900 euro. 
Come funziona:



Una volta iscritti ad un corso ci viene assegnata una id e una password, per accedere ad una piattaforma e-learning dalla quale settimanalmente possiamo scaricare le slides delle lezioni, ed un tutor on line pronto ad aiutarci per qualsiasi nostra difficoltà. Una volta scaricato tutte le lezioni possiamo prenotare l'esame che dovremo sostenere presso la sede e-Campus da noi preferita, a scelta tra Novedrate (Como), Roma e Messina. Il primo esame è da sostenere obbligatoriamente a Novedrate. Per chi ha una esperienza lavorativa in settori inerenti la facoltà scelta, c'è la possibilità di vedersi accreditati alcuni CFU. Addirittura per chi esercita la professione di Geometra c'è la possibilità di vedersi accreditati 60 CFU al corso di Ingegneria non so che, corrispondenti in pratica a circa un anno di studio. 
Oltre a tutto ciò, ci hanno vivamente consigliato di seguire dei seminari che i docenti tengono il giorno prima di fare l'esame. Inoltre ci hanno prospettato la possibilità di stipulare con il CEPU, contratti per servizi di "tutor in presenza", qualora ne avessimo avuto bisogno. Ovviamente la retta annuale cambia a seconda di quante ore di tutor in presenza si stipulano. Per 48 ore di tutor in presenza all'anno (quattro ore al mese), il costo della retta va dai 6.900 euro per le facoltà umanistiche ai 7.900 euro per le facoltà scientifiche. Se si sceglie un contratto con più ore si possono superare anche i 10.000 euro. Da sottolineare che l'e-Campus è una università privata legalmente riconosciuta dallo stato italiano. 
Di contro però dobbiamo dire che anche all'Università Statale i lavoratori hanno la possibilità di non frequentare "in presenza" e di reperire il materiale di studio su Internet proprio come ad una Telematica. Inoltre se non si capisce qualcosa si può andare grauitamente da un professore per chiedere spiegazioni. Lo si telefona prima e questi è obbligato a fissarti un appuntamento. 
Ovviamente ognuno è libero di spendere i soldi come meglio crede, ma se alle università private si dà la possibilità di fare concorrenza a quella pubblica, bisognerebbe togliere il valore legale ai totoli di studio e farli diventare esclusivamente titoli culturali, altrimenti si rischia che l'oggetto della concorrenza non sia la qualità del servizio e della preparazione, ma la facilità con cui si ottiene il titolo di studio. Problema tra l'altro già forte in Italia con la concorrenza nata tra le stesse facoltà pubbliche che, dopo l'autonomia e la riforma 3+2 di Berlinguer hanno cominciato a creare corsi su corsi, molti perfettamente inutili, svalutando in maniera criminale il valore e la credibilità della laurea. 




Ricerca personalizzata

88 commenti:

  1. emerita presa in giro...nn ti prenderanno mai con questa università...a meno che nn hai già 1posto avviato e ti serve un cosiddetto "pezzo di carta"!!!

    RispondiElimina
  2. SONO STATA CONTATTATA, DA CHI AFFILIATO ALL'UNIVERSITA' E-CAMPUS OVVERO CEPU, SI OCCUPA DI RICONTATTARE CHI HA CHIESTO INFO SULLE VARIA DI QUESTA OPPORTUNITA' ON-LINE, EBBENE: IL LORO SCOPO E' DI FARTI ANDARE ALLA CEPU E SE DICHIARI DI NON AVER LA POSSIBILITA' DI AVVIARTI PRESO IL LORO CENTRO AFFILIATO TI TRATTANO MALE E SE SONO PREDISPOSTI ALLA MALEDUCAZIONE DI CHIUDONO IL TELEFONO IN FACCIA, QUESTI SONO I SIGNORI DELLA E-CAMPU. BELLA COSA!

    RispondiElimina
  3. Anonimo grazie per la testimonianza.
    Comunque visto che il nostro blog non sta facendo una campagna contro e-campus e il CEPU, lasciamo il beneficio del dubbio di pensare che la maleducazione sia isolata al caso da te segnalato.
    Ripetiamo, il fatto grave è che il valore del titolo di laurea negli ultimi anni si è svalutato sempre di più, a causa di alcune riforme universitarie (sia di governi di sinistra che di governi di destra)e che in questo contesto le università private rischiano di abbassare ulterirmente il valore della laurea.

    RispondiElimina
  4. Credo che il valore della laurea sia la reale preparazione del laureato, cosa che chiunque con un minimo di buon senso riconosce! Purtroppo, come detto prima, chi in un modo, chi con un colore, chi altro in altro modo etc ha svilito la laurea a mero pezzo di carta acquistabile a mò di mercanzia con la stessa validità di una carta autoreferenziale...

    personalmente sostengo e ribadisco la preparazione media degli studenti delle università pubbliche realmente ed effettivamente più elevata dei simili frequentanti le private, questo non a demonizzare chi le frequenta, ma il sistema delle private che a cottimo mortifica la voglia di impegnarsi della maggioranza dei suoi clienti che vanno avanti per inerzia come in una scuola senza bocciati, mentre alla pubblica c'è più spirito di competizione e ti caccia fuori i cosiddetti, quindi vieni fuori da una vera palestra della mente...

    inoltre la cosa che spaventa è il potere della loro raccomandazione contro il talento, cosa che secondo me alza ancora di più la qualità della pubblica contro la privata perchè i suoi studenti sono così agguerriti per inserirsi nelle posizioni altolocate che per chiunque sia al potere scegliere un talentuoso realmente attivo e non di figura è necessariamente conveniente e sciocco non prenderlo a lavorare a sè...

    quindi, dato che comunque esistono le private, mi appello ai datori di lavoro e ai potenti di turno che per il loro interesse non cedano al favore da fare al figlio di un amico, o alla persona che si china come zerbino, alle lusinghe menzognere e falsamente mielose di chi vorreste o dovreste raccomandare, ma per l'amor del cielo scegliete le persone veramente brave, date loro una posizione che meritano, non fateli lavorare sfruttati nell'ombra di vostri vicini incompetenti per coprire la loro deficienza!

    Fatelo nel vostro interesse! (che poi è anche il nostro!)

    Poi, se sono pazzi o scemi, allora io alzo le mani, ma credo che chiunque con un minimo di neuroni e coscienza farebbe così!

    Toni molto accesi e coloriti quelli del sottoscritto di fronte a una realtà che non può essere ignorata, data la sua importanza!

    RispondiElimina
  5. Carissimo Anonimo (l'ultimo), la ringraziamo vivamente per il suo intervento. Noi condividiamo in pieno le sue affermazioni, e anche se i nostri toni sono forse più pacati, non di meno la questione ci sta a cuore.
    In particolare noi che siamo per un liberismo etico che definiamo micrliberismo, sosteniamo che la libera concorrenza è libera e giusta fintantochè l'oggetto della concorrenza sia eticamente corretto e che tutti i soggetti possano partecipare alla concorrenza. Tradotti in termini di questione Università, riteniamo che la libera concorrenza sia giusta solo se l'oggetto della concorrenza sia la qualità del servizio, cioè la preparazione offerta agli studenti, e che chiunque, anche con pochi soldi ma che con buone idee e una ottima competenza possa aprire università private che offrino una preparazione di livello. Non certo siamo a favore di chi apre università che regalano titoli per fare soldi.
    La ringraziamo ancora per l'intervento. Sperando di ritrovarla a commentare altri nostri post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile anonimo, grazie per essere venuto a corregerci. Infatti questo ci fa capire che il livello culturale dei nostri lettori è discreto. Ci fa piacere che c'è ancora qualcuno che conosca i congiuntivi.

      Elimina
    2. L'anonimo del 22 dicembre evidentemente non contempla le sviste e probabilmente scrive senza far il benché minimo errore.

      Elimina
  6. Salve a tutti,da quanto ho potuto capire,può essere una presa in giro e un'altra invenzione per rapinarci!!!stavo quasi per convincermi,ma leggendo i prezzi e i vostri commenti ci ho ripensato!!!grazie

    RispondiElimina
  7. Salve. Il Politecnico di Milano ha, a quello che mi pare di capire, una laura on line "...unica accredita dal CUN. ..". Cosa significa? Perchè non ne sento parlare? Qualcuno sa dirmi in cosa consiste e la qualità?

    RispondiElimina
  8. Spettabile Anonimo, la ringraziamo per l'intervento. Il Politecnico di Milano offre una laurea on line che è del tutto equivalente alla laurea tradizionale, sia come insegnamenti che come spendibilità sul mercato del lavoro. A noi risulta essere l'unica accreditata dal CRUI (conferenza dei rettori dell'università Italiana). Ovviamente il valore legale è lo stesso che per altre università on line come l'e-campus, in quanto le università vengono istituite per decreto ministeriale ed è il decreto che dice se la laurea è valida o meno legalmente. Il riconoscimento del CRUI è un valore aggiunto di qualità e serietà.

    RispondiElimina
  9. Io sono iscritta all'università telematica e-campus e vi posso assicurare che la preparazione è ottima, il materiale da studiare è veramente equiparato a qello di qualsiasi università ( pubblica), sono sincera nel dirvi tutto ciò. Io penso che il mondo del "lavoro" DOVREBBE non avere pregiudizi in merito alla provenienza della università frequantata e scegliere il ragazzo/a che veramente si merita ( non in base all'università frequentata) quel posto di lavoro. Io faccio parte della e-campus è vero.. e mi dispiace sentire tutte queste "chiacchiere" permettetemi da invidiosi/e perchè come è stato detto prima ognuno della propria vita e dei propri soldi fa quello che vuole. Piuttosto prendetevela con chi di dovere per le lamentele ( magari l'assunzione di personale che avviene oin modo esponenziale dalle università private) non gettate fango contro ragazzi/ragazze che si stanno costruendo un futuro come voi. Io da questo punto di vista, sono molto critica, perchè non mi permetto assolutamente di dare giudizi negativi su "qualcosa che non conosco". Il sistema di questa università funziona molto bene, e bocciano anche. Non pensate che il "pagare"comporti automaticamente la PROMOZIONE prchè non è così. Perchè non venite di persona ad assistere ad uno degli esami? Io ho assistito a vari esami nelle università pubbliche e posso dirvi che enormi differenze nel metro di giudizio dei docenti non ne ho assolutamene viste. Io ho espresso il mio pensiero..

    RispondiElimina
  10. Carissima anonima. La ringraziamo per il suo intervento. Non possiamo che essere felici di sapere che alla e-campus non si regalino le lauree e che gli esami siano seri. Non possiamo che auspicare che la direzione da seguire sia questa per tutte le università private. Ma permettici di avere le nostre titubanze circa il motivo per cui si debbano spendere tanti soldi. Poi ognuno li spende come vuole, ma proprio ci risulta difficile capirlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono iscritta alla ecampus,e il commento della ragazza e giustissimo.un metodo conosciuto in tutto il mondo da anni,purtroppo l`Italia e` indietro su ogni cosa...

      Elimina
    2. Fin quando la gente come te disconoscerà le basilari regole della grammatica, l'Italia non smetterà di rimanere indietro.

      Elimina
  11. non si può parlare per sentito dire o sulla base di una consulenza o ancora per una telefonata finita nel peggiore dei modi! qualcuno di coloro che ha commentato o è intervenuto ha mai frequentato l'università telematica!!!??? è un'università privata ed in quanto tale si paga, su questo non c'è dubbio, ma in quanto alla preparazione non condivido, in primis perchè i professori che vi lavorano sono professori di alto livello della statale anche molto conosciuti che sicuramente non regalano esami, se non si studia si viene bocciati come in una normale università, le facoltà che puoi frequentare sono delle normalissime facoltà umanistiche e scientifiche, fa la differenza il poter frequentare, paradossalmente, a casa propria le lezioni on-line, naturalmente il tutor non è necessario se si riesce a studiare da soli e soprattutto le questioni burocratiche le risolve la segreteria dell'e-campus! dove sta la "fregatura", da nessuna parte! io conosco tanta gente che ha studiato all'università statale anche prestigiosa, ma non sa aprire neppure la bocca, lasciatemi passare l'idiotismo, e non conosce chi li ha messi al mondo eppure ricoprono posti di lavoro prestigiosi e come hanno fatto? forse è colpa dell'e-campus!??? il privato potrebbe scuotere solo un po' questi enti privari che dormono sugli allori e non si rendono conto che sono proprio loro che fanno morire la cultura perchè vi assicuro che oggi lo studente non è più tale ma è diventato un semplice cliente che con la sua presenza permette alla scuola o all'università di ricevere sovvenzionamenti dalle stato, che in realtà siamo noi!!! con questo non voglio invogliare nessuno ad iscriversi ad un'università privata, vi dico che io ho frequetato una statale, ma non puntiamo il dito senza conoscere!!!! diamo vita alla cultura e non calpestiamola e comunque viva il "latino ed il greco", che sono la base della nostra civiltà!!! :)

    RispondiElimina
  12. Non c'è dubbio che l'università statale ha fortemente svalutato il titolo di dottore. Ormai la Laurea non si nega più a nessuno. Si sono inventati corsi esclusivamente per dare lavoro a figli e parenti. Tanta povera gente è rimasta vittima di veri e propri pacchi rifilati dall'Università Pubblica. Laureati che a dieci anni dalla laurea non hanno lavorato un mese con uno straccio di contratto regolare. Ci sarebbe veramente da mandare in galera tanti professori delle Università Pubbliche. Per questo siamo favorevoli ad università private che offrino una preparazione migliore. Fermo restando che lo stato debba garantire a tutti di poterle frequentare. Ma queste Università Private offrono una preparazione migliore? Per noi è troppo presto per poterlo dire. Per ora ci sembra assurdo, soprattutto nell'era di Internet, che si debba pagare tanti soldi per studiare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma perché "offrIno"? è già la seconda volta che lo scrivi...

      Elimina
    2. ... ma chi sei? Lapo Elkann???

      Elimina
    3. Ti ringrazio ancora per le correzioni, ma ti prego di non offendere perchè non sai chi scrive cosa fa nella vita e in quanto tempo deve riuscire a scrivere, rispondere e offrire contenuti validi in una lingua che non gli appartiene. Per questo accogliamo con piacere le correzioni, ma le critiche ti prego di farle sui contenuti e non sulla scrittura. Tra l'altro ci sono tanti intellettuali che si vantano di non capire un tubo di matematica, perchè io non potrei vantarmi di non sapere parlare in italiano?

      Elimina
    4. Hai perfettamente ragione, scusa se ti sei sentito/a offeso/a... la mia non voleva essere un'offesa, ma meramente una battuta (forse di pessimo gusto). Buon lavoro e complimenti per i contenuti che sono certamente interessanti.

      Elimina
    5. Scuse accettate e grazie per l'interesse per i nostri contenuti

      Elimina
    6. Credo che questa petsona che scrive faccia anche troppo per informarci al meglio.....:)

      Elimina
  13. Non fate di tutta l'erba un fascio,vi prego! Generalizzare porta sempre a conclusioni che si allontanano dal vero! Io ad esempio non frequesto l'e-campus, ma l'UniSu,Università delle Scienze Umane. E' sempre un'università telematica, ci sono anche lezioni frontali, ed è privata. Le cifre non sono alte, costa 2400 € l'anno e considerando il fatto che i materiali sono disponibili( non vanno comprati ), guadagni di salute e benzina effettivamente, in realtà non è un costo esagerato e non è tanto lontato da una retta annuale pubblica. Inoltre vi dico che i prof ricoprono cattedre anche alle università pubbliche come La Sapienza, Roma 3,ecc; Gli esami sono tosti (se studi bene,altrimenti ti ripresenti al prossimo appello);i materiali sono abbondanti e ben esposti;ci sono appelli ogni mese, quindi non devi scapicollarti per dare 4 esami in due settimane ed hai una laurea sudata e riconosciuta al pari di qualsiasi altra! Perciò se qualcuno ha avuto il buon senso di puntare alla laurea e non a vagare e (scusatemi) cazzeggiare per l'università tutto il giorno, per anni, non penso che debba essere accusato poi di favoritismi perchè già ce ne sono abbastanza alle università pubbliche,o sbaglio? dove gli esami gli fanno gli assistenti perchè i prof pagati dallo stato non si degnano di presentarsi , o dove per seguire una lezione dove si presentano 1000 studenti bisogna prendere il posto ore prima, o ancora per ottenere un appuntamento con il prof ci vogliono giorni e giorni. Ma fatemi il piacere, le università telematiche esistono da anni in tutto il mondo, solo qua la gente sente qualcosa e poi sa solo dire ''non mi fido'' . Bisogna evolversi ragazzi,darsi da fare!

    RispondiElimina
  14. Non ho esperienza riguardo ad e-campus, ma l'ho avuta con cepu. L'esperienza non mi e' piaciuta per niente, non entro nei dettagli che sarebbero tanti.
    Un consiglio spassionato e' di non fidarvi assolutamente delle promesse verbali e di pretendere per iscritto ogni dichiarazione. La cortesia e disponibilita' iniziale prima della firma del contratto si trasforma dopo la stipula dello stesso.
    Altro consiglio e' di informarvi assolutamente da persone realmente iscritte (e' sufficiente attendere all'uscita della sede qualche studente) e chiedete loro un parere, la conclusione la trarrete da soli.

    RispondiElimina
  15. Purtroppo mi tocca dire che se per lavorare, per partecipare a concorsi e selezioni serve necessariamente un pezzo di carta, perchè altrimenti si viene scartati senza nemmeno aver la possibilità di colloquio perdimostrare le competenze, allora perchè non comprarlo?
    Nei miei anni in università (pubblica!!) ho speso il doppio di quanto chiedono quelli di e-campus, calcolando tasse di iscrizione, libri e mensa.
    Inoltre in giro ci sono tantissimi laureati, anche in strutture pubbliche e rinomate, che non sanno e non sanno fare un'emerita ceppa. Dunque, laurea al giorno d'oggi non è più sinonimo di conoscenza.
    La laurea oggi è come il diploma 20 anni fa.
    Se questo è il trend, accetto anche che si compri.
    Poi ovviamente uno deve dimostrare di valere in ambito pratico/lavorativo.
    Un saluto

    RispondiElimina
  16. Purtroppo a l'e-campus e alle altre università, non sembra che poi sia vero che le lauree si comprano anzi...piuttosto bisogna fare attenzione perchè te lo fanno credere i venditori a titolo personale, perchè una università anche privata non potrebbe mai fare affermazioni del genere, così che poi il mal capitato che vuole fregare il prossimo si ritrova doppiamente fregato. Comunque ti voglio chiedere due cose: ma dove hai studiato che hai speso tutti questi soldi? io con un quarto di quello che chiede l'e-campus in un anno ho preso numero tre lauree, ti posso inviare i titoli via e-mail. Seconda domanda, in quale sede CEPU lavori?

    RispondiElimina
  17. ecampus ? per mia personale esperienza
    un brand del Cepu che ne ha le stesse cattive per non dire pessime ..."qualità".

    RispondiElimina
  18. Sono iscritto e frequento e.campus
    ad un esame sono stato bocciato 4 volte perché non ero sufficientemente preparato...
    all'ultimo esame di Microeconomia su 29 iscritti 14 promossi
    e...non eravamo tutti delle Capre ...anzi
    perche spendere tanto?
    onestamente la mia scelta (purtroppo ) è stata più per pigrizia in quanto successivamente sbirciando qua e la ho constatato che vi era in giro qualcosa di più economico...
    ed il costo elevato "purtroppo"/per Fortuna non ha rappresentato facilità nel superamento degli esami anzi ...
    anche se devo dire che ho riscontrato che qualche studente era convinto che pagando ... gli era tutto fatto...
    adesso c'è da capire se ha capito così ...o qualche commerciale dell'E.campus gli ha "fatto capire" così ...per accaparrarsi il cliente...
    cmq oramai mi mancano altri 4 esami e questa estate la passerò sui libri a studiare ...perchè se non si studia...
    mah..
    e chi se lo immaginava a 44 anni dopo 26 anni dal mio diploma.
    un saluto a tutti

    RispondiElimina
  19. io vorrei iscrivermi a e-campus..pur non avendo molto denaro..ma mettendoli via piano piano..si arriva poi alla quota..però se sapete dirmi di università on-line che costano di meno..accetto ben volentieri i contatti

    RispondiElimina
  20. Ciao...
    stavo cercando informazioni su e-campus e mi sono imbattuto in questo forum...
    Io sono uno studente lavoratore, vi posso assicurare che le università italiane (io sono iscritto al Politecnico di Milano) non sono strutturate per chi lavorare e sudia...
    ho letto che al politecnico c'è la laurea on.line, è vero esiste, ma vi siete dimenticati o nn tutti lo sanno che è solo per Ingegneria Informatica e costa 3000€ all'anno...
    anche sui costi devo dire una cosa, è vero e-campus non costa poco, ma sapete quanto si paga di seconda rata quando in famiglia si è in tre a lavorare?!Fanno il conteggio del lordo annuo, in famiglia non prendiamo stipendi pazzeschi (altrimenti non dovrei lavorare per studiare) per farla breve io spendo all'anno solo di rata più di 2000€, contando il fatto che non seguo, vado solo a dare gli esami.
    più i libri slide e quant'altro...vi lascio immaginare.
    Quando poi chiedi ai compagni di studi gli appunti e te li negano per paura di chi sa che c***o...
    chiamerò per vedere se mi conviene o meno l'università telematica...
    ciao e buona domenica

    RispondiElimina
  21. Anonimo, ti ringrazio per il tuo intervento. Sapere che la rata dell'università pubblica è arrivata a 2000 euro in parte ci sconvolge.
    Se ti informi all'e-campus e puoi portarci notizie più lusinghiere di quelle in nostro possesso, non può che farci piacere. Noi crediamo fermamente nelle università on-line, perchè crediamo che il 90 % di quello che si insegna all'università si può imparare comodamente da casa. E non lo diciamo tanto per dire, ma per esperienze personali come studenti e come docenti universitari. Il problema serio è che chi sostiene l'Università tradizionale proprio non vuole ammettere che il 90 % si può imparare senza seguire, questo infatti vorrebbe dire non creare posti di lavoro per i parenti dei professori. Per questo l'opportunità dell'insegnamento on-line per il momento è stata esplorata quasi solo da enti privati, che attenzione ci possono lucrare sopra oltre l'imaginabile. Per questo concludo dicendoti di fare attenzione, la fregatura è dietro l'angolo e soprattutto valuta più università on-line. Qualcuna infatti può essere meno seria delle altre.

    RispondiElimina
  22. Domanda : ma se uno lavora e quindi vuole iscriversi ad una università on line e non riesce a concludere il ciclo di studio megli anni previsti deve pagare il fuori corso come un'annualità normale?

    RispondiElimina
  23. In genere si, ma bisogna chiedere a ciascuna Università

    RispondiElimina
  24. salve a tutti...io sono straniera...per essere precisa sono rumena...ho finito le scuole superiori nel mio paese...e vorrei inscrivermi al universita qui in italia..verranno riconosciute le mie diplome ottenute li oppure devo riprendere qlc anno di studio qui per poter portare avanti le studi?se ne sapete qlcs per favore fattemi sapere...grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH SEI FATTA SORELLA!!!

      Elimina
    2. perche? io sono arrivata qui sempre rumena avevo finito il secondo anno di superiori in romania e poi sono passata direttamanete nel terzo senza nessun esame e adesso mi sto preparando per l'università. mi sono diplomata con 80 . quindi tutto è possibile

      Elimina
  25. Per Anonimo n. 5: non è vero che in giro non si parla della laurea online del Politecnico di Milano. Basta che cerchi nei principali siti di recensioni, per esempio qui: http://www.ciao.it/laureaonline_it__Opinione_1319507

    Per Anonimo n. 3: dici che nel privato ci sono troppe raccomandazioni... scusa eh, ma nel pubblico non ci sarebbero?!?
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA ma in che mondo vivi??
    Tra l'altro, non dimenticare che molti docenti delle università private sono già professori ordinari nel pubblico... Se ritieni che il sistema sia marcio, riprenditela innanzitutto con loro!

    RispondiElimina
  26. Desideravo sapere con certezza se ecampus e cepu
    sono la stessa cosa.
    Grazie

    RispondiElimina
  27. Ecampus e Cepu appartengono tutte e due al gruppo CESD. Ecampus è una università vera e propria, che rilascia titoli di studio riconosciuti dallo stato italiano, solo che è privata e i corsi sono on-line. Cepu invece è un centro di preparazione agli esami universitari, ovvero tu ti iscrivi a qualsiasi università (statale, privata, on-line, in presenza quella che vuoi), prepari gli esami presso il Cepu e poi fai l'esame all'università dove tu ti sei iscritto. Ovviamente puoi anche iscriverti all'ecampus e preparare l'esame con il Cepu. Spero di essere stato chiaro.

    RispondiElimina
  28. Ciao ragazzi,
    io ho frequentato sia l'università pubblica, che quella privata, e di conseguenza posso parlare per esperienza.

    Mi dispiace leggere commenti negativi (soprattutto da chi non frequenta) sulle università private e telematiche, perché queste, a parte qualche eccezzione, sono delle valide alternative a quelle pubbliche.

    Qualche anno fa iniziai con l'Università pubblica di Palermo, e dopo tre anni passati a rodermi il fegato, successivamente decisi di passare a quella privata per risparmiare tempo, denaro e salute.
    Non so davvero come funzionano le altre Università, ma alla Facoltà di Economia di Palermo è quasi impossibile laurearsi nei tempi previsti:

    Ogni anno ci sono solamente 2-3 sessioni d'esame, così se vuoi rimanere nei tempi, devi preparare 3-4 materie per volta, oppure uscire fuori corso.

    E' più facile fare 6 al superenalotto che fissare un appuntamento con un docente.

    Seguire una lezione è un'odissea, 600-700 persone all'interno di aule omologate per 400 posti.

    Superare un esame è un terno al lotto: Puoi studiare tutti i libri consigliati dal prof, ma se ti viene posta una domanda alla quale non sai rispondere, non per mancanza tua, ma perché proprio quella risposta non la trovi in nessun testo, sei comunque rimandato, e non puoi lamentarti o fare obiezioni perché rischi solamente di non superare più quella materia.

    Molti prof sono arroganti, presuntuosi e maleducati (io ho sostenuto un esame con un prof che parlava al cellulare). Molte volte, una lezione o un esame sono state cancellate senza una preventiva comunicazione.

    Dopo 12 materie sostenute sono finalmente passato all'Università telematica, non all'Ecampus, ma come Lil (il commento sopra di giorno Apr 18, 2011) all'UNISU.

    Da quel momento solo soddisfazioni, niente più problemi. Concordo su tutto quello che ha scritto Lil: Con 2400€ di retta annua risparmi pure (non metti benzina, non mangi fuori, non paghi affitto, non compri i materiali che sono disponibili online).

    Con un appello ogni 35 giorni puoi preparare un esame per volta.
    I professori sono in gamba(molti insegnano anche presso altre Università prestigiose di Roma), professionali (perché altrimenti vengono sostituiti), ma soprattutto oggettivi(se sei da cacciare via, ti mandano via, se sei da 30, prendi 30). E cosa da non dimenticare, non possono assolutamente porre domande al di fuori del programma del corso.

    Chi ne ha la possibilità può seguire le lezioni frontali a Roma, altrimenti le rivede online. Se potessi tornerei indietro, inizierei direttamente dall'Università privata per evitare di buttare all'aria anni di vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao puoi togliermi un curiosità? guardando il piano degli studi vedo che per alcuni esami ci sono le date appello solo fino a fine marzo , ma tu mi dici che che ci sono appelli ogni 35 giorni per ogni esame???giusto? probabilmente le prossime ddate devono ancora essere fissate giusto?
      Posso chiederti in cosa ti sei laureata?

      Ciao

      Federica

      Elimina
    2. Inoltre è vero che danno un peso anche alla partecipazione?

      Elimina
  29. Leggere cosa scrive la gente qui mi fa venire un po i brividi!! Qui credo che nessuno abbia capito una cosa, L'UNIVERSITA' NON E' UNO SCHERZO, mi iscrivo faccio l'esamino e lavoro! se partite da questo presupposto siete dei coglioni, e rovinate l'università. Studi se hai voglia, se hai passione, se hai interesse, se stando 10 ore con il culo su una sedia ma poi hai capito sei felice, prima del lavoro ci deve essere la passione, la voglia di imparare, la voglia di scoprire. Finchè ci sono i cazzoni che si iscrivono (e maledizione qualcuno arriva in fondo), i posti che dovrebbero essere occupati da persone con interessi forti e passione sono occupati da coglioni che vogliono vantarsi di non so quale titolo e che non hanno la passione che porta alle inovazioni! La laurea non fa di te una persona più ricca o più saggia o migliore!! vallo a dire al mio meccanico che per una puttanata mi prende 3/400 euro o un idraulico che solo a chiamarlo ti partono 50 euro, e di esempi del genere ne puoi fare abbondanti. invece di correre ad inscriverti all'università cerca di capire perchè ci vai cosa ti aspetti e se hai passione! vi dovrebbero schiantare tutti agli esami,mi auguro che siano sempre più selettivi e tolgano spazio a chi non ha la passione per FARE QUELLO SOLO QUELLO NIENT'ALTRO CHE QUELLO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo perfettamente d'accordo, l'Università dovrebbe essere molto più difficile.

      Elimina
    2. L'esamino è un pò riduttivo ed è da stupidi fare una università e uscire da li senza sapere nulla. Però permettimi di dire che dovresti ringraziare il cielo se hai potuto dedicate 10 ore di studio al giorno. Perché c'è gente che per permettersi di studiare e pagare l'affitto deve lavorare 10 ore al giorno e trovare il tempo per studiare. Questi sacrifici servono per avere una buona preparazione nella vita e ottenere un titolo che ti dia la possibilità di cambiare in meglio. Che sia privata o pubblica bisogna sempre studiare..per mia esperienza anche dopo la laurea bisogna sempre e comunque studiare per essere competitivi, perché il pezzo di carta ti serve solo per affacciarti a quella professione..ma dopo ti si apre un mondo ancora piu difficile e piu impegnativo sotto l'aspetto del sapere. Se poi a tutti i commenti anonimi e non si evitasse di dire parolacce e insultare la gente disorientata che chiede solo aiuti e chiarimenti..sarebbe molto piu carino. Una buona giornata

      Elimina
    3. Io studiavo 3 ore a giorno, dale 4 ae 7 di mattina, prima di dare la pappa a mio figlio e di andare a lavoro 10 ore, e non c'erano sabati e domeniche, ed era pure la seconda di laurea...e che qualche fighetto mi venga a parlare di passione, quando magari le sue 10 ore al giorno sono costate 10000 euro ai suoi genitori mi fa capire che c'é un sacco di gente che parla tanto per parlare. Accidenti, é chiaro che l'università deve essere difficile; io ho riscontrato un abisso tra la mia prima laurea presa nel 2000 con un misero 86 che però mi aveva spaccato la schiena e la mia seconda presa nel 2011 col massimo dei voti e sul velluto, lavorando e con la famiglia...ma ciononostante alcuni miei compagni sono ancora la e non ce la fanno a finrla e quando la finiranno il mondo del lavoro cmq li schiaccerà perché sono capre. Poche chiacchiere, chi é bravo il suo spazio se lo ritaglia

      Elimina
  30. oggi come oggi non tutti hanno la possibilità di frequentare l'università e la passione per lo studio a volte non basta e si è costretti a lavorare.. se non lavori non vivi poi se c'è la possibilità di studiare lavorando tanto meglio non tutti hanno mamma e papà k ti regalano l'università non bisogna parlare se non si conoscono le situazioni... ben venga l'esistenza di università k ti permettano di studiare ma anche di lavorare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tutte le università pubbliche danno la possibilità di studiare e lavorare. Il problema è che molti vorrebbero che la laurea fosse regalata senza fare assolutamente niente. Alla università pubblica ormai non si nega un esame a nessuno, ho visto esami di persone che se avessero fatto l'interrogazione con i mie prof. del liceo avrebbero avuto un due con umiliazione, invece i prof dell'università pubblica un 18 non lo negavano a nessuno, a volte anche un ventisei. Visto che anche loro ormai non pensano che ai soldi. Per questo mi chiedo come sia possibile che con una università pubblica COSì FACILE la gente debba rivolgersi alle università private per cercare qualcosa ancora più facile.

      Elimina
  31. Che simpatica valle di commenti... mo vi dico come la penso... laurea presa, specializzazione presa (quella da quattro anni in privato), analisi fatta, corsi e corsetti fatti per tutto... lavorando, sempre lavorando, me ne sono uscito a 19 anni da casa... e adesso a 40 anni con una parete tappezzata di pezzi di carta non arrivo a fine mese... allora due sono le cose (e scusate il cinismo). Uno, qualsiasi laurea e dico qualsiasi laurea per farla servono molti più soldi e sacrifici che i 3000 euro anno di iscrizione oltre che una passione e curiosità fuori misura per le materie!!! Due, non vi chiedete perchè mancano all'appello le solite lauree? Perchè non c'e' (come sempre e perfino negli orientamenti scolastici) medicina e odontoiatria e poche altre? Che sia una facoltà difficilissima? Impossibile? Terrore? No... è una balla politica inventata negli anni 70 quando i medici erano alla fame... Ben riuscita e sempre appoggiata a livello politico... Perchè adesso tutti i laureati sono alla fame mentre pochi altri si arricchiscono fuori misura? Concludo col dire che la laurea è un'altro modo per far arricchire qualcun'altro che ti racconta tutte le balle che vuoi, ma mai professionalizzante e questo deve esse chiaro, pur di prendere lo stipendietto... la tre+due calci in culo a tutti ha solo dato da mangiare alla centinaia di leccaculi in attesa che il baronetto di turno crepasse... triste ma è così... sputtanando tutto e tutti! Allora come si fa? Fatela di certo l'università ma quella che più vi piace ed alla prima offerta erasmus si va all'estero per piantar radici e ridere di chi è rimasto!!! Accetto volentieri commenti per cambiare idea ;)

    RispondiElimina
  32. Siamo d'accordo in toto. Però alle private on-line c'è il rischio di pagare oltre i 3700 euro che vengono proposti. Alcuni enti sono poco raccomandabili e possono estorcerti fino oltre i 15.000 euro l'anno. Visto che anche la pubblica è una passeggiata, perchè non approfittarne? Che poi non si trovi lavoro è un problema serio. Io personalmente ho deciso che pagherò l'università a mio figlio solo se decidesse di fare Medicina o similaria, per tutto il resto è molto meglio studiare da soli come autodidatti e nel frattempo lavorare.

    RispondiElimina
  33. SONO UN GENITORE DI UN FIGLIO CHE FREQUENTA L'UNIVERSITA' E CAMPUS E POSSO CONFERMARE CHE GLI ESAMI NON VENGONO "REGALATI", MIO FIGLIO E' GIA' "BOCCIATO" DUE VOLTE E PER GLI ESAMI SUPERATI e' STATO NECESSARIO STUDIARE CON ATTENZIONE LA MATERIA. pER FORTUNA CI SONO MOLTI APPELLI E QUINDI E' POSSIBILE ANCHE SOSTENERE UN ESAME AL MESE, INOLTRE MIO FIGLIO HA SOGGIORNATO SPESSO A NOVEDRATE E SI E' TROVATO BENISSIMO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro genitore, controlli di più suo figlio e si cerchi università meno costose e più rinomate, cordialità.

      Elimina
  34. Sono stato iscritto alla CEPU per recuperare degli esami universitari. Una vera farsa. Mi hanno sfilato migliaia di Euro per affibbiarmi "professori" appena laureati senza alcuna esperienza. Professionalità zero ! Ma a chiederte soldi sono maestri. La qualità dell'insegnamento è scadentissima. Da evitare se non per avere il pezzo di carta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insegno li...e mi duole ammettere che é proprio cosi e non é colpa dei docenti che vengono pagati cifre risibili. Ogni volta che incontro un allievo la prima cosa che gli chiedo é come ha fatto a cascarci? Poi cerco, nonostante i 9 euro l' ora, di far bene il mio lavoro. Stare alla larghissima...

      Elimina
  35. Io son iscritto in una università pubblica, ahimè quella della lega, quindi geograficamente opposta a quella di "AntonioJan 30, 2012 03:07 AM"
    eppure mi ritrovo perfettamente nelle sue sventure:
    solo 3 (eccezionalmente x alcuni 4) sessioni d'esame all'anno
    quindi facile rimanere fuori corso
    atteggiamenti dittatoriali da alcuni prof
    programmi arbitrari
    con esami e/o prof che all'esame non tengono conto del corso e del programma svolto
    e se t lamenti 6 fregato... ecc
    la nostra preparazione dipende da noi!
    e non dal NOME dell'università!
    se esistesse la mia facoltà on linee cambierei subito!

    RispondiElimina
  36. Salve a tutti, sono una mamma e lavoro, ho 40 anni e adesso mi è ripresa la voglia di studiare, anzi sono convinta di avere più la testa oggi che vent'anni fa.
    Ho iniziato a curiosare e così ho trovato Ecampus, lunedì ho un appuntamento per capirci qualche cosa.
    Non sono ricca e se potessi eviterei di spendere troppi soldi ma sono convinta che per me sarebbe letteralmente impossibile iscrivermi e frequentare una Università pubblica.
    I vostri commenti spesso contrastanti tra di loro, sinceramente non mi hanno aiutato a prendere una decisione, lunedì vi dirò.

    RispondiElimina
  37. Ciao Simona, vai da eCampus e facci sapere come è andata. Ma valuta anche altre opportunità. Ci sono in Italia dodici università on-line riconosciute che praticano prezzi diversi. Inoltre dire Università Pubblica non significa per forza frequentare. Ripeto fino allo sfinimento: io mi sono laureato alla università pubblica senza frequentare mai. Tutti i miei amici che non frequentavano si sono laureati in tempi brevi e con ottimi voti. Chi frequentava invece ha perso anni della propria vita. L'università on-line è una opportunità in più, ma per quello che vale una laurea sinceramente io quei soldi li investirei in altro modo.

    RispondiElimina
  38. Ciao ragazzi, io vi posto la mia esperienza.
    Io sono iscritta al II anno di ing. industriale ad E.Campus. Dunque ho da ridire in merito ai "ladroni" con cui vai a fare il colloquio: molta scena, brillanti sorrisi e pronti a invitarti a inserire nel pacchetto anche l'assistenza tutoriale. zero fiducia...io personalmente ho scelto il pacchetto classico che include i 3.900 euro senza assistenza. E diciamo che mi sono trovata benissimo. In merito agli esami del primo anno (vi parlo di ing. industriale NO a curricul energetico) gli esami sono tostarelli,specialmente analisi e fisica. i restanti dopo questi due scogli sono fattibili, pur richiedendo una quantità notevole di impegno, quindi per chi lavora non è poi così facile, anzi!!!. In merito alle slides... è il solito discorso, alcune sono comprensibili altre...ahimè bisogna interpretarle... tuttavia con un pò di volontà, cercando su internet, o studiando sui libri i cocci si rimettono insieme e si riesce a studiare. ... Io non mi sono trovata male, anzi mi sono trovata bene almeno fino ad ora. La cosa di cui volevo informarvi è questa: io pensavo di fare la laurea specialistica all'estero, più precisamente in Inghilterra, e allora ho inviato delle mail alle università che mi interessavano chiedendo se era possibile la candidatura nonostante provenissi da un'università telematica comunque riconosciuta dal miur. La risposta è stata "ni" nel senso che mi hanno specificato che la candidatura è accettata solo se il piano di studi telematico combacia con il percorso di studi scelto. quindi ora chiederò il trasferimento presso un'università normale e vi aggiornerò su quanto in realtà poi valgono i crediti acquisiti presso E-Campus in un'uni tradizionale. Io personalmente ho scelto E-Campus, per le seguenti ragioni:
    1. essendo laureata in una triennale, avendo lavorato per due anni, a me imbarazzava iscrivermi in un'università normale un pò per il contatto con persone più piccole di me e un pò perchè i piani part time non mi piacevano come tempistica.
    2. avrei comunque dovuto pagare oltre alla rata universitaria anche l'affitto, e tutti i casini derivanti...vd coabitazione con festaioli; la mensa e i trasporti
    3. il corso in Ing. Ind. non era offerto in modalità on line nè al polimi, nè al polito nè alla uninettuno. Era presente alla Unimarconi ma la tempistica tra l'immatricolazione e il poter dare il primo esame era di ben 90 giorni, invece con l'E-campus la condizione indispensabile è il darlo a Novedrate.
    ... ho finito... insomma sono contenta di aver trovato questo blog perchè è uno dei più aggiornati in termini di date...
    Poi per quel che riguarda il valore della laurea...beh quello grazie al decreto Miur c'é... anche se in tanti diffidano. E con E-Campus cascano bene perchè legata al cepu o a nomi non molto "simpatici"... c'è anche da dire che gran parte degli insegnanti provengono dal Politecnico delle Marche, ma risultano preparati, almeno quelli che ho testato io. insomma se in media stat virtus, bisognerebbe avere un pochino di fiducia anche verso le telematiche. In fin dei conti sono un'opportunità in più che si dà a chi vuole affrontare uno studio, a chi vuole rimettersi in gioco, a chi lavora e vuole un titolo... e comunque tra un pò ci dovrebbe essere la valutazione del CNVSU quindi vedremo con quella cosa succederà. Un saluto a tutti.

    gaiagaiafi@libero.it

    RispondiElimina
  39. Grazie Gaia per la tua testimonianza

    RispondiElimina
  40. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  41. come promesso eccovi l'aggiornamento: la fonte è quella ufficiosa del manager didattico (non posto luogo dell'uni per privacy) di Ing. Chimica: mi hanno riconosciuto analisi con debito di 6 crediti totali perchè lì è da 18 e non da 12, disegno in toto, esame di informatica in toto, economia in toto, fonti energetiche in toto, tecnologie dei materiali con debito di 6 e fisica con debito di 6.
    insomma rientro nel secondo anno abbastanza bene e devo impegnarmi. una buona ninna a tutti! gaiagaiafi@libero.it

    RispondiElimina
  42. ciao a tutti
    Leggo con perplessità tutti questi commenti.
    Ok siamo in italia e dobbiamo convivere con cose del tipo corruzione , farse e fregature.
    Premetto brevemente la mia posizione attuale
    Sono lavoratore dipendente e mi occupo di programmazione di sistemi automatici per l'industria .Sviluppo anche programmi su pc di un certo rilievo.
    La passione ed i sacrifici mi hanno spinto sempre piu' a studiare e sviluppare cose che non avrei mai creduto di fare.
    Non ho problemi di lavoro , a 42 anni , ho una buona esperienza nel settore .Pero' ho un'ambizione personale al difuori di quello che so fare , possere una laurea .Questo per ovvi motivi di personalità ma anche di prevenzione del futuro ...chissa come qualcuno voleva esprimere nei governi precedenti il mio mestiere lo volevano riservare solo ad ingegneri ...che tra l'altro molti ingegneri venivano da me per essere istruiti sui sistemi.
    E cosi sto cercando di trovare un nuovo equilibrio tra il lavoro (lavorare di meno ) e studiare per ottenere una laurea che mi puo'aprire sicuramente nuove e nuovi orizzonti.
    Vagando per il web ho guardato il programma di ingegneria informatica del politecnico di milano , ecampus ect ...
    Ora pero' leggendo molti pareri rimango perplesso e non saprei cosa fare ...
    Tra l'altro non vorrei ritrovarmi frustrato dall'analisi matematica o altre tecniologie che non ricordo piu e che ritengo difficili .
    Devo rassegnarmi sul fatto di avere una laurea o potete consigliarmi qualcosa di valido ?
    Grazie e ciao
    Walter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Walter io ritengo che l'unica cosa veramente valida è la capacità personale e come dice nel commento lei ha ottime competenze, quindi non avrei molti timori. Certamente le università citate da lei sono valide in quanto legalmente riconosciute. La preparazione poi dipende dalla singola persona. Resta però il fatto che nessuno vuole buttare soldi, quindi io opterei per delle università private, ovviamente legalmente riconosciute, solo dopo aver constatato che l'università pubblica non può offrirmi i servizi desiderati.

      Elimina
  43. Salve vorrei farvi presente... Dato che non tutti si possono permettere di spendere 10 Mila euro annui x studiare,soprattutto di questi tempi,che esiste anche il Consorzio Nettuno facente parte di molte universita fra cui La Sapienza di Roma.
    Buona giornata..

    RispondiElimina
  44. Ciao! Cavolo!! Che confusione!! Io sono una tecnica di radiologia ... Ho 47 anni e lavoro da molto amo molto il mio lavoro e per una crescita personale e perché no anche per un nuovo lavoro, vorrei conseguire un master. Avevo pensato anch'io ad una università on line ma visiti i commenti sono un pò confusa...potete aiutarmi i nproposito?
    Io lavoro e non posso frequentare e la mia amministrazione già fatica a dare ferie figuriamoci permessi di studio anche se obbligatori...
    Antonella grazie!

    RispondiElimina
  45. Secondo me, con queste scuole private, tra alcuni anni ci saranno persone completamente incompetenti, medici ignoranti, avvocati delle cause perse..ingegneri che fanno cadere le case...

    Questo per me è un incubo se penso che potremmo cadere in mano a uno di questi imbecilli..che non vogliono studiare come si deve!

    Ma andate a quel paese..e se non siete in grado di studiare andate a zappare la terra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Luisabella, hai ragione solo in parte. Infatti in Italia per esercitare le professoni che hai citato non basta la Laurea, ma bisogna essere iscritti a degli ordini professionali ai quali si accede dopo aver superato un esame di "stato" molto severo e, in alcuni casi, fare anche del praticantato di alcuni anni. Infatti in Italia sono gli ordini professionali che devono garantire le competenze, le capacità e soprattutto l'etica di chi esercita una professione, non certo l'università. Quindi se per esempio prendi una laurea in ingegneria presso una università privata che regala la laurea, non potrai mai fare l'ingenere se non superi prima l'esame di "stato" e ti iscrivi all'ordine degli ingegneri.
      Quindi piuttosto che con le università private, se ti trovi di fronte un medico incompetente o un avvocato delle cause perse, la colpa è dell'ordine professionale, non dell'università che ha frequentato. Ognuno è libero di studiare dove vuole. L'importante è che la qualità richiesta per esercitare le professioni sia uguale per tutti. Cosa che comunque nella pratica non avviene sempre, ed hai ragione, ma ripeto ancora che se un professionista non è in grado di esercitare la professione oppure è eticamente scorretto, la colpa è deglin ordini professionali che non chiedono standard elevati e non vigilano adeguatamente

      Elimina
  46. Per LuisaBella: sinceramente gli avvocati impreparati, gli ingegneri che fanno cascare le cose ci sono già e non provengono solo da scuole private o università private. Se una persona frequenta qualunque università ed è seria, studia come deve e segue un percorso al termine del quale le viene riconosciuto e valutato un titolo e in parte anche una prima "credibilità" non vedo quale sia il problema... La provenienza dalla pubblica ...dalla telematica??? Io mi sento offesa dal suo commento, di sicuro i cretini che scaldano la sedia ci sono in qualunque università, una persona non sceglie la telematica perchè non ha voglia di studiare, ma semplicemente per ragioni economiche, o lavorative, oppure perchè non le piace quella pubblica...qual'è il problema? Non faccia di tutta l'erba un fascio. poi la cosa che mi sento di dire è che come al solito in Italia la mente ottusa è accompaganata sempre da bocche troppo aperte.

    RispondiElimina
  47. Qualcuno qui ha parlato dell'Unisu che ora si chiama UniCusano (i commenti negativi erano troppi quindi hanno dovuto cambiare nome), visto che per voi è un'università seria, che prepara, ecc ci potreste spiegare come mai i vostri esami sono in parte a crocette con domande anch'esse a crocette come "Chi presiede il CSM?".
    E' tutto ripostato su questo sito.

    http://studentiunisu.altervista.org/blog/

    E poi ci spiegate come mai nei vostri gruppi di Facebook vi vantate di studiare su dispense?
    Alla luce di questo (i vostri esami sono una farsa e la vostra preparazione è scarsa) secondo voi vale ancora la pena scrivere feedback positivi su tutta internet? Non vi vergognate un pò?

    Winnie

    RispondiElimina
  48. E' una bella iniziativa ma purtroppo non ha credito presso le aziende
    Credo si mettano a ridere se sul curriculum leggono "ecampus"
    Potevano chiamarla università di Novedrate, ma avrebbe fatto ridere lo stesso

    RispondiElimina
  49. Le big four e centinaia di altre multinazionali non hanno la minima considerazione per ecampus.
    Organizzano incontri per reclutare talenti solo in facoltà private come Bocconi, Cattolica, Luiss e poche altre università statali

    RispondiElimina
  50. vorrei iscrivermi all'universita' telematica unicusano e' affidabil?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente NO. Si preparano su dispense e gli esami sono a metà a crocette, i docenti sono ricercatori a tempo determinato (tranne 2) e hanno ricevuto una relazione nelativa dal csnvsu. Un'università simile non può essere presa sul serio.

      Elimina
    2. *relazione negativa

      Elimina
    3. Lascia perdere e cerca qualcos'altro!

      Elimina
  51. Perfettamente in linea col pensiero di Gaia. Faccio i complimenti a questo blog che è il più corretto che finora ho mai trovato. Ovviamente ognuno rimane con la propria idea. Io racconto la mia:ho frequentato ingegneria all'università pubblica sostenendo 15 esami e poi sono passato a frequentare ecampus e quindi probabilmente sono considerato di parte anche se mi considero molto bilanciato nell'esprimere le mie idee. In primis è sbagliato collegare CEPU con ECAMPUS perché la CEPU è solo un punto di appoggio per ecampus in modo da avere una copertura capillare in tutta Italia. La Cepu inoltre ha ovviamente scopi di lucro in quanto invoglia lo studente in difficoltà a farsi seguire da un loro tutor (i costi ovviamente diventano poi altissimi). I consulenti con cui vai a parlare prima di iscriverti all'università sono pagati a provvigioni e quindi ti rassicurano sulla facilità del percorso. Gli esami però sono discretamente duri (come è giusto che sia), ovviamente ci sono anche quelli più semplici a crocette, ma questo succede in qualsiasi università infatti ricordo che un mio amico ha sostenuto e superato lo scritto di analisi matematica (a crocette) in una università pubblica molto rinomata (nella città dotta). Quindi io credo che il nome dell’università conti poco quello che conta è la persona. Poi si sa che in Italia siamo molto arretrati su queste cose infatti in America sulle università telematiche non c’è il minimo dubbio. Tornando ad ecampus, lo studente entra in difficoltà perché alcune slide sono da “interpretare” ma ovviamente con internet a disposizione si può ricercare qualsiasi cosa e riuscire a trovare la soluzione per tutto basta avere un po’ di volontà. I costi dell’università sono alti perché il servizio è buono. I professori rispondono entro 3 giorni (in media) dall’invio di una tua email. Quindi se mentre tu ti stai esercitando non capisci un concetto o non riesci a risolvere un esercizio, invii tutti i tuoi dubbi al professore che prontamente ti risponde e ti chiarisce il tutto. In una università statale per chiarire un dubbio passano settimane (devi fare la fila nell’unica ora di ricevimento del professore). Poi trovi anche professori arroganti che magari quel giorno non hanno nemmeno voglia di fare lezione e se ne vanno a casa mentre tu ti sei fatto 60 Km per andare a seguirla (e non gli puoi nemmeno dire niente perché altrimenti non supererai mai l’esame e quindi continuano a fare i comodi loro). Quindi di cosa stiamo parlando? Svegliatevi ragazzi. Per concludere: il sistema deve cambiare, i professori devono essere scelti dagli studenti perché se c’è qualche professore che si comporta male, quel professore viene mandato a casa. E gli esami devono essere fatti ogni mese e mezzo al massimo in modo da preparare sistematicamente un esame alla volta e non 4 esami da poter dare in una settimana con la testa che impazzisce. Le università statali vogliono prolungare la nostra permanenza in modo da ricevere più soldi. E’ proprio la corretta e sistematica distribuzione degli appelli durante tutto l’anno che consente di laurearsi più facilmente e non perché la laurea viene regalata. Eliminate i pregiudizi se non conoscete i fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami anonimo, ma tu menti sapendo di mentina. Voi dell'ecampus come i geni dell'unicusano vi sciacquate la bocca con l'arroganza degli statali e con l'Italia che deve cambiare ma dovete fare i conti con la realtà dei fatti. Intanto l'ecampus è del cepu e da questo non ci si scappa, non so come ti abbiano intortato il giorno che ti sei iscritto ma ti assicuro che sia l'uno che l'altro sono di Polidori, poi stiamo parlando di una delle università più costose d'Italia per un servizio per cui era nato addirittura un sito di denuncia (si chiamava liberibelli.it): solo slide e poca assistenza.
      Eccoli qua i costi della tua favolosa università.

      UN1 (solo tutor on line) 3.900 €
      UN2 (tutor on line + 24 ore in presenza) 5.900 €
      UN3 (tutor on line + 48 ore in presenza) 8.100 €
      UN4 (tutor on line + 2 ore a settimana in presenza) 13.100 €
      UN5 (tutor on line + servizio college) 13.100 € senza vitto ed alloggio, 22.100 € con vitto ed alloggio

      Contrariamente ai cusanini almeno tu ammetti che all'ecampus si fanno esami anche a crocette! Almeno quello!!!
      Concludo dicendo che chi non ha la coda di paglia e sa di frequentare un'ottima università non va in giro per internet a cercare pareri e a tentare di giustificare l'ateneo.

      Elimina
    2. Gli esami a crocette delle statali sono per ottenere accesso agli orali. Smettetela di mettere in giro notizie false. I vostri a volte sono tutti a crocette.

      Elimina
    3. Ammesso che lo siano fai esempi.
      Invece dei vostri esami a crocette è disseminata la rete e i tuoi colleghi sono stati perfino costretti a mettere limitazioni ai gruppi facebook per paura di essere beccati. Ma cambiate università piuttosto.
      Capisco cercare di giustificare l'università con l'anonimato ma almeno argomentare in modo decente sarebbe opportuno!
      Concludo facendo notare che non avete praticamente professori (sono quasi tutti ricercatori) e siete nati dopo un parere negativo del cnvsu e del cun.

      http://www.gennarocarotenuto.it/13377-e-campus-luniversit-come-piace-a-silvio-berlusconi/

      E alla fine della fiera cos'avrai? Una laurea con la scritta tipo "email", contento tu..... scommetto che i datori di lavoro faranno la fila per darti il posto.
      Ma chi te lo fa fare si svenarti per un pacco simile? Da 3.900 € a 22.100 € per una pergamena con la scritta "email", bah.

      Elimina
    4. Falsità di chi parla senza sapeere... al mio corso di laurea, che é nella facoltà di medicina dell'univ. Di brescia, almeno metà degli esami, tra cui il più importante, fisiologia, da 12 crediti, erano a crocette!!! Vi rendete conto? Fisiologia a crocette...e poi parlano male delle private...

      Elimina
    5. E' tutto scritto nero su bianco, se la verità dà fastidio cavoli tuoi.
      Non ho capito cosa vuoi dimostrare con la storia delle crocette a Brescia, se ti sei laureato in una statale con le crocette sei stato preso per i fondelli 2 volte e non solo una (statale ed ecampus).

      Elimina
  52. Con 7200 euro l'anno, pagabili in 3 comode rate, mi laureo in Medicina e Chirurgia presso la Cattolica di Roma con sede a Tirana (Albania): università di lusso (mai vista una cosa simile in Italia) e 500 professori tutti italiani. La laurea è riconosciuta in tutta europa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella spammata del cavolo.

      Elimina
  53. Io ho una laurea uni pubbl. mi mancano 4 esami x 2 laurea e mi sono iscritta a ecampus. Con il 1 esame mi sono accorta che. E' una truffa. Ti bocciano negli ultimi esami x farti pagare + tasse. Ho deciso di chiudere il percorso di studi ( 3900 € buttati. Mea colpa) e leggo sul modulo che se rinuncio perdo gli esami dati?!?!. Non esiste al mondo una cosa del genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, non solo perdi gli esami ma non puoi nemmeno farteli riconoscere in un'altra università. Benvenuta nel mondo cepucampus.

      Elimina
  54. Ti bocciano negli ultimi esami??? Ma cosa dici?? certo se non studi ti bocciano e fanno bene. Io ho frequentato l'Università Ecampus (ho sostenuto anche degli esami in Cattolica a Milano) ed è un'università molto seria e organizzata: mi sono trovato benissimo.

    RispondiElimina
  55. Non ti riconoscono gli esami? Anonimo05 luglio 2014 01:58
    stai dicendo il falso. L'università Ecampus è legalmente riconosciuta dal MIUR: perchè parli a vanvera?

    RispondiElimina